PUNTO SOAVE - 2016
Designed and developed by NOONIC

Felix Lo Basso

"guida michelin"

Cucina

Felix lo Basso Restaurant – Lo spettacolo Milanese in Piazza Duomo

6 settembre 2017

Al giorno d’oggi la ristorazione stellata sta puntando sempre di più rispetto al passato a sorprendere come non mai il commensale.
Oltre che alla qualità del cibo maggiore importanza viene data anche alla location e alle presentazioni originali delle pietanze.
Un’esempio di questo nuovo modus operandi è proprio il ristorante dello Chef Felice Lo Basso, il Felix Lo Basso Restaurant che si sviluppa in uno dei luoghi più affascinanti e più visitati di Milano:
la Piazza del Duomo.

Il ristorante Felix Lo Basso è nato all’interno di un edificio storico di fine Ottocento ed è considerato uno dei più belli inaugurati durante EXPO, in virtù della vista sui pennacoli con Madonnina che si gode dalle finestre ritagliate a oblò del quinto piano e dalla terrazza mozzafiato aperta durante il periodo estivo.

 

La cucina dello chef  nasce al mare, ma è cresciuta in montagna creando un mix di sapori in cui la ricerca di prodotti di qualità, la voglia di sperimentare forme e colori diversi e mixare i gusti,  la fanno da padrona.

Nel suo ristorante, Felice Lo Basso offre una cucina di alto livello, sofisticata nell’elaborazione dei piatti ma con forti ancoraggi alla tradizione e alle materie prime italiane.
Intuizione, fantasia, innovazione e creatività;  è questo che si legge andando a scoprire cosa si dice riguardo allo Chef che con grande abilità è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante all’interno della gastronomia milanese.

Oltre alla location, un’altra peculiarità è proprio la cura nella presentazione dei propri piatti con cui cerca di sorprendere sempre di più i propri commensali.

Anche lo chef quindi sembra d’accordo con quanto espresso dallo chef Davide Oldani durante l’evento Seed and Chips a Milano di qualche mese fa, in quanto punta molto sulla personalizzazione e sul su misura.

 

Infatti ha voluto realizzare, per rendere uniche alcune delle sue ricette, dei piatti su misura che rispecchiassero la sua fantasia e creatività.

La prima idea è stata quella di rendere una ricetta apparentemente classica come uno spaghetto al pomodoro, che tanto era importante per lo chef avere nel menù, in qualcosa di unico e spettacolare.

Per questo scopo è nato  il Piatto Pomodoro:

Piatto pomodoro lo basso

 

Lavorato artigianalmente a partire dalla scannerizzazione in 3D di un reale pomodoro, è passato poi alle mani esperte degli artigiani della ceramica e realizzato totalmente a mano, riassumendo perfettamente il concetto di Made in Italy come mix perfetto tra innovazione e classico, legato al mondo culinario.

Ovviamente però non ci si è fermati qui.

Come spesso capita quando si ha soddisfazione nel vedere qualcosa che fino a quel momento si aveva solo immaginato, si punta subito a trovare una nuova idea per sorprendere ancora di più.

 

 

Si è voluto quindi provare a trasportare in un contesto di alta ristorazione, alcune piccole azioni che avvengono spesso nelle nostre cucine familiari.

Quante volte infatti capita che chi sta cucinando voglia farci assaggiare un ingrediente particolare o una spezia e ce lo porge dal palmo della propria mano?

Gesti informali che mai sarebbero concepiti all’interno di una cucina di così grande spessore, che tuttavia attraverso piccole astuzie possono essere in qualche modo riproposte.

 

Questa è la base della realizzazione del Piatto Mano:

piatto mano Felix Lo Basso
Un’assaggio, servito in maniera figurata direttamente dalla mano dello chef.
Una piatto in ceramica bianca, che rispetta tutti i canoni di servizio a tavola, non cadendo però per nulla sulle pietanze classiche, ma confermando tutti i canoni di innovazione, ricerca, fantasia e creatività per il quale lo chef si batte dal giorno dell’apertura nella cucina del suo ristorante.

 

E’ proprio questo insieme a una location che tutti gli invidiano, qualità ed attenzione nella selezione della materie prime e piatti pensati come piccoli contenitori di forma e sapore, con colori contrastanti e allo stesso tempo complementari, come cielo e terra, mare e montagna, a portare il Felix lo basso restaurant nell’Olimpo della città meneghina, lasciandoci pensare di non aver comunque espresso ancora tutto il suo potenziale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *